CICIN - Antico frantoio Ligure

Badalucco

Nei registri della Magnifica Comunità Badalucchese presso l'Archivio di Stato si trova , nell'anno 1650 , citato il nome dei fratelli Antonio e Giuseppe Panizzi quali concessionari di un frantoio comunale; ma è nel 1804 che ha inizio ufficialmente l'attività sistematica di frantoiani dei Panizzi nel luogo medesimo dove oggi sorge il museo dell'olio.

Poi, nel 1896, il bisnonno dell'attuale Giobatta ( Cicin ) Panizzi, anche lui Gio Batta, per divergenze con i fratelli si distaccò dall'azienda di famiglia e ne aprì una sua proprio accanto, quella che è oggi retta dall'ultimo discendente attivo di questa antica schiatta di frantoiani.

Dunque, duecento anni di storia documentata sono la prova di una passione e di una tradizione di qualità che non ha eguali nella Valle Argentina.

L'erede di questa cospicua tradizione, ha recentemente realizzato un sogno: quello di recuperare il frantoio storico della famiglia e di farne, dopo un pregevole intervento di restauro conservativo, il museo dell'olio e delle attività connesse alla coltura, anzi cultura, dell'olivo.

Se verrete a visitarlo, troverete lui, Gio Batta Panizzi detto Cicin Meelu, che vi farà da cicerone e vi racconterà la storia dell'olivicultura che è strettamente connessa a quella della sua antica ed illustre famiglia ed è anche gran parte della storia della laboriosa comunità badalucchese.

 





Antico frantoio Ligure
CICIN di Panizzi Giovanni Battista
Via Boeri Giobatta, 50 BADALUCCO (IM) 18010
tel: +39 0184408097 - fax: +39 0184407842 - cell 348-4011802

| sito web | e-mail |

Consorzio Rivieraholidays - PIVA 01370560086