Imperiae il suo entroterra

Imperia

Un territorio ricchissimo di tradizioni

Il capoluogo di provincia è situato tra la Valle Armea e il Golfo Dianese e comprende un territorio abbastanza vasto che si estende dalle Alpi Liguri, che segnano il confine con il Piemonte, e sono chiamate “Alpi del mare” per la vicinanza con la costa, fino appunto al mare su cui si affacciano cittadine bellissime nate dall’espansione di piccoli borghi di pescatori. Il cuore è sicuramente Imperia ma anche i vicini comuni di San Lorenzo al Mare, Santo Stefano al Mare e Riva Ligure sono mete balneari molto ambite grazie al mare blu e alle spiagge stupende.

Addentrandosi nell’entroterra si incontrano paesini che sono dei veri gioielli ricchi di tradizioni liguri, Montegrosso Pian Latte, il colle di Nava e Mendatica ne sono solo alcuni esempi. Questa parte di riviera ligure rappresenta una meta turistica frequentata in quanto il suo clima, il suo mare, le sue bellezze architettoniche e la sua atmosfera tranquilla la rendono amata da chiunque venga a visitarla.

Cerchi un albergo?I nostri operatori turistici sono a tua disposizione per trovare Hotel a prezzi molto convenienti

Chiedi informazioni
Il territorio di Imperia

Cosa fare a Imperia e dintorni

Imperia è la città dai due cuori, dai due centri, Porto Maurizio e Oneglia, e ciò deriva proprio dalla sua storia, nel 1923 infatti nacque proprio dall’accorpamento amministrativo di queste ultime. E’ una città affascinante, a Oneglia, i portici colorati di Calata Cuneo affacciati sul suo piccolo porto sono di rara bellezza e la sera vi si concentra la vita notturna della città. Spostandosi a piedi di pochi metri troviamo piazza San Giovanni con l’omonima chiesa e i portici dove si trovano numerosi negozi.

In pochi minuti è possibile andare a visitare anche Villa Grock, ovvero la casa di Adrien Wettach, nato in Svizzera e consacrato “re dei clown” nel 1919 all’Olympia di Parigi; fu un artista straordinario che scoprì Imperia nel 1920 facendo visita ai suoceri e si innamorò a tal punto della città da acquistare il terreno dove costruì questa villa in cui si spense nel 1959. La villa eccentrica con il suo straordinario giardino domina la collina onegliese e ospita attualmente il Museo del Clown.

La parte più affascinante di Porto Maurizio è sicuramente la zona del Parasio, ovvero il promontorio a strapiombo sul mare su cui sorgeva la città vecchia risalente al medioevo di cui ne conserva tutt’oggi la struttura con i suoi piccoli carùggi e vie ciottolate visitabili a piedi. Sono state da poco ritrovate scavando parti delle vecchie mura che proteggevano il promontorio. Passeggiando a piedi è possibile entrare a visitare la chiesa e casa natale di San Leonardo, patrono della città, il convento delle clarisse, suore di clausura, con le sue straordinarie logge che offrono una vista mozzafiato sul mare e il Duomo di San Maurizio, questa è la chiesa più grande della Liguria e fu costruita a partire dal 1781 sul progetto di Gaetano Cantoni; il duomo è in stile neoclassico e dalla lanterna della cupola principale (48 metri di altezza) è possibile ammirare l’intera città dall’alto.
A Porto Maurizio troviamo anche la nuova sede del Museo Navale inaugurata all’inizio del 2017 in cui è possibile affrontare un percorso che vi porterà a conoscere la storia tra l’uomo e il mare, tramite anche all’utilizzo di simulatori e attività ludico-didattiche.

L’intero litorale della città offre spiagge stupende, sia di sabbia che di ciottoli il che la rende nei mesi estivi una meta molto ambita; è possibile praticare sport acquatici e fare gite in barca che offrono una vista stupenda sulla città.

Imperia ospita la manifestazione Olioliva un appuntamento fisso per gli amanti dell’olio che presenta ogni anno le ultime novità del settore attirando oltre 100.000 persone.
Da oramai 30 anni inoltre ospita la manifestazione conosciuta a livello internazionale delle “Vele D’Epoca” la quale attira numerosi turisti e durante la quale il porto della città si riempie di spettacolari velieri d’epoca che ogni giorno escono in regata nelle acque blu di fronte alla città offrendo uno spettacolo meraviglioso.
Ospita anche ogni anno la Fiera del Libro, il VideoFestival Città di Imperia e la fiera di fumetti Sgrunt.

Non meno belle sono le città limitrofe a Imperia, le quali con le loro spiagge e la loro tranquillità e i loro eventi estivi offrono un soggiorno stupendo ai turisti.

A San Lorenzo al Mare inizia anche la pista ciclabile che si estende per 24 km fino a Ospedaletti costeggiando il mare; la pista è percorribile a piedi, in bicicletta o con i pattini e offre oltre a un panorama meraviglioso, con il sottofondo delle onde, una giornata all’aria aperta ricca di emozioni. Durante l’intero percorso si incontrano bar per ristorarsi e punti di noleggio di biciclette.

Se ci addentriamo nell’entroterra imperiese tra la una natura incontaminata si potranno scoprire dei paesini che sono dei veri gioielli, passeggiando a piedi per le loro vie si potranno riscoprire le vecchie tradizioni liguri e respirare un’aria di montagna davvero rilassante, lungo i carùggi dei paesi è possibile scoprire gli autentici sapori liguri passeggiando in un clima sospeso nel tempo.

Il capoluogo ligure di Imperia è davvero tutto da visitare e da scoprire perchè offre una moltitudine di attrazioni diverse adatte a ogni gusto; esso è raggiungibile in treno (fermata Imperia) o in autostrada (uscita Imperia Est o Imperia Ovest).

  • Passeggiate serali a Oneglia
  • Museo navale, dell’Olivo e Villa Glock
  • Duomo di San Maurizio
  • Vele d’Epoca, la Fiera del Libro, il VideoFestival
  • Sport acquatici
  • Escursioni in bicicletta sul lungomare (24km pista ciclabile)
  • Escursioni nell’entroterra e Transumanza di Mendatica
  • I borghi di Mendatica e Montegrosso Pian Latte
Pizza alla Andrea - Riviera Holidays
La pizza all’Andrea come si fa nella zona di Oneglia, Imperia. Con salsa di pomodoro, aglio, acciughe e olive taggiasche
Cucina e tradizioni

Cosa si mangia in questa zona

La città ha una tradizione enogastronomica di rilievo; sicuramente si parte dall’olio prodotto dalle olive locali nei frantoi dell’entroterra; tipica imperiese è anche la pizza all’Andrea, che è la tipica pizza onegliese coperta di salsa al pomodoro e condita con acciughe sotto sale e olive, a Porto Maurizio ne troviamo una variante più alta con i pomodori tagliati a pezzetti, e questo ci fa capire quanto le tradizioni dei due centri nell’antichità fossero diverse nonostante la vicinanza davvero ridotta.

Altri alimenti tipici sono la farinata, a base di farina di ceci, il pesto e il condiglione (cundiùn). Nei vigneti dell’entroterra sono prodotti due vini bianchi molto rinomati a livello nazionale, il Vermentino e il Pigato, e due vini rossi altrettanto famosi, il Rossese e l’Ormeasco.Ovviamente in tavolo non può mai mancare il pesce locale che viene pescato dai pescatori ogni giorni e venduto sul porto di Oneglia al loro rientro. I paesini dell’entroterra invece custodiscono le ricette segrete come quella dei ravioli di Montegrosso e dei ravioli di Cosio entrambi farciti con erbe selvatiche. Lì viene anche prodotto il tipico formaggio locale, chiamato Brusso, che è una ricotta fermentata ideale per accompagnare le patate bollite o per condire la pasta fatta in casa.

Curiosità

Lo sapevi che...?

La città di Imperia è legata a numerosi personaggi storici di rilievo come i due Premi Nobel Giulio Natta, ingegnere e accademico, (Nobel per la chimica) e Renato Dulbecco, biologo e medico (Nobel per la medicina). Diede i natali anche a San Leonardo, patrono della città; a Felice Cascione, medico e comandante partigiano, autore di “Fischia il vento”, a cui è intitolata la piscina comunale della città; a Giovanni Boine, poeta e scrittore a cui è intitolata la scuola secondaria di primo grado in Piazza Roma; Giacomo Agnesi, fondatore del pastificio Agnesi; Edmondo De Amicis, scrittore e pedagogo, autore del libro “Cuore” a cui sono intitolati il liceo classico cittadino, la nuova biblioteca comunale e lo sferisterio inaugurato nel 2002; a Giovan Pietro Vieusseux, scrittore ed editore, a cui è intitolato il liceo scientifico cittadino; al padre di Manuel Belgrano, uno degli eroi dell’indipendenza argentina; e a Andrea Doria, ammiraglio e uomo di stato genovese.Questi sono solo alcuni dei nomi prestigiosi della storia della città, per non contare le personalità di spicco che hanno soggiornato in questa piccola cittadina del ponente, come Napoleone Bonaparte o Elisabetta Farnese Regina di Spagna che dormì a Palazzo Guarneri al Parasio.

Elisabetta Farnese Regina di Spagna
Elisabetta Farnese Regina di Spagna, soggiornò nello splendido Palazzo Guarneri al Parasio