Ventimiglia, Vallecrosiail mare e l'entroterra

Ventimiglia e Vallecrosia

La Porta d'Europa

La città del ponente ligure più a Ovest e quindi direttamente confinante con la Francia è Ventimiglia, la quale spesso viene chiamata “la Porta Occidentale d’Italia”, “la Città di confine” o “la Porta Fiorita d’Italia”. Il comune è sicuramente uno dei più trafficati della provincia anche grazie ai rapporti socio-economici che intrattiene con la vicina Costa Azzurra.

Ventimiglia è rinomata per il suo clima, le sue spiagge sia ciottolose che sabbiose, sia rocciose che frastagliate, per i suoi siti storici e naturalistici, e per i numerosi eventi che ospita.

Nella zona di confine troviamo anche il comune di Vallecrosia situato presso la foce del torrente Verbone.

Questa zona è di notevole bellezza sia per la sua storia sia per il suo mare ed entroterra ed è dunque è una meta rinomata in qualsiasi periodo dell’anno.

Cerchi un albergo?I nostri operatori turistici sono a tua disposizione per trovare Hotel a prezzi molto convenienti

Chiedi informazioni
Il territorio di Ventimiglia e Vallecrosia

Cosa fare

Ventimiglia è una città divisa in due parti dal fiume Roia, una medioevale, che sorge sulla collina, e una moderna che si estende sulla riva sinistra del fiume.
E’ anch’essa una meta balneare ambita come Sanremo e Bordighera grazie alle sue spiagge meravigliose sia sabbiose che rocciose che accontentano i gusti di ogni tipo di visitatore. Questa città ha origini molto antiche, è nata infatti da una tribù dei Liguri Intemeli in età preistorica e fu poi conquistata dall’Impero Romano nel II secolo a.c.; ospitò anche il famoso Cesare quando si diresse in Spagna. La città è ricca di testimonianze di quel periodo come il Teatro romano che è uno dei più piccoli nel suo genere e unico in Liguria insieme all’anfiteatro romani di Luni. Anche in questa città i luoghi da visitare sono davvero molti e sicuramente merita di essere citato il Forte dell’Annunziata, un tempo convento, poi fortezza, ora sede del Museo Civico Archeologico “Girolamo Rossi”, tra i più prestigiosi e completi musei archeologici della Liguria. Il Forte sorge su uno sperone roccioso a picco sul mare con una splendida vista sulla Costa Azzurra e oltre ad ospitare il Museo archeologico è anche sede di eventi e incontri.
Spostandoci verso il confine francese è d’obbligo una tappa a Villa Hanbury con i suoi giardini botanici che sorgono sul promontorio della Mortola e offrono anch’essi un vista sul mare spettacolare.
I girdini furono realizzati a partire dal 1867 dal viaggiatore inglese Thomas Hanbury e contengono specie botaniche raccolte in ogni parte del mondo.
Altro posto che merita sicuramente una tappa durante una visita in questa perla ligure sono i Balzi Rossi (toponimo italianizzato dal dialettale bàussi russi ovvero sassi rossi), questi si trovano presso il confine di stato e sono caratterizzati da una parete rocciosa in cui si apre una serie di caverne. In alcune di queste, nel corso di varie campagne di scavi, sono stati scoperti numerosi reperti risalenti al paleolitico superiore; presso le grotte vi è anche il Museo vecchio e Museo nuovo preistorico.
A Ventimiglia possiamo ancora ammirare le mura genovesi del XVI secolo, con le caratteristiche feritoie e le porte: Porta Nuova, Porta Nizza, Porta Piemonte e Porta Marina. Nella parte alta della città troviamo la Loggia del Parlamento, nota come Magazzino dell’Abbondanza che è un edificio pubblico del XV secolo. Anche nel suo centro storico come nel resto della provincia troviamo i carrugi con i caratteristici scuri (archivolti). Proprio in questo comune nel 1922 fu costruita la prima struttura d’Europa dedicata poi al Mercato dei Fiori e ancora oggi visibile.

Ventimiglia ospita ogni anno dal 1977  “Agosto Medioevale” cioè un corteo storico collegato ad una regata di gozzi. Chiunque venga in vacanza in questa parte del ponente ligure non può non fare un giro il venerdì al mercato settimanale che è sicuramente uno dei più grandi di Italia per quantità di merce, estensione e frequentatori.

La visita del Ponente si può concludere facendo visita nei paesini dell’entroterra tra cui spiccano Pigna, con le sue famose terme; il borgo medioevale di Apricale con il suo castello; Dolceacqua che è sicuramente uno dei borghi più famosi e caratteristici il cui simbolo è il famoso ponte romanico che ne collega le due parti e che fu fonte di ispirazione per Claude Monet il quale lo ritrasse in numerosi dipinti.

Ventimiglia è raggiungibile sia in treno (fermata Ventimiglia) sia in autostrada (uscita Ventimiglia).

  • Numerose calette e sentieri e spiagge sabbiose e rocciose
  • Visite ai borghi dell’entroterra, Dolceacqua, Apricale, Pigna
  • Il frequentatissimo mercato settimanale del venerdì
  • I giardini botanici di Villa Hanbury
  • Le grotte preistoriche dei Balzi Rossi
  • Il Museo vecchio e Museo nuovo preistorico
  • Il corteo storico e la regata di Agosto Medioevale
Pansarole e zabaione - Riviera Holidays
Le Pansarole, dolce tipico della zona di Bordighera, accompagnate dallo zabaione
Cucina e tradizioni

Cosa si mangia in questa zona

Come nel resto della provincia anche qui al confine con la Francia non mancano le tradizioni culinarie liguri che si basano sicuramente sui piatti a base di pesce pescato localmente come il bugliabasciu che è una zuppa di pesce, il brandacujun a base di stoccafisso e patate o l’orata alla ventimigliese. Troviamo anche piatti a base di carne che fanno parte della tradizione, il coniglio in scivè (con le olive) e la capra con le fagiolane ne sono sicuramente due esempi buonissimi.Tipici sono anche i barbagiuai ovvero dei ravioli ripieni di zucca fritti nell’olio e la torta verde di bietola o di zucca.

Anche qui troviamo una variante della pizza ligure a base di pomodoro, acciughe, olive e aglio che prende il nome di pisciadela.

Come dolci vi sono i friscioei (frittelle), le castagnole, il castagnaccio, le pansarole e le bane, a base di pasta frolla e nocciole.

Sicuramente a cena è doveroso accompagnare questi ottimi piatti tipici con un vino bianco locale come il Vermentino o il Piemattone di Latte oppure rosso come il Rossese della Riviera Ligure e il Rossese di Dolceacqua.

Sicuramente anche la cucina locale vi conquisterà.

Curiosità

Lo sapevi che...?

Vi sono numerosi personaggi legati a Ventimiglia, sicuramente è doveroso citarne alcuni come Thomas Hanbury, filantropo e creatore degli omonimi giardini botanici, celebri per l’incredibile quantità di specie botaniche che conservano, per la vista sul mare e le eccentriche architetture che contengono, ispirate a diverse culture del mondo.

Tra i vari nomi legati a questa zona del Ponente ligure troviamo quello di Emanuele Luzzati, scenografo e illustratore considerato maesto in ogni campo dell’arte applicata, a cui è stata conferita la cittadinanza onoraria ad Apricale.

Giardini Hanbury - Riviera Holidays
Una delle costruzioni ispirate allo stile arabo nel grande parco dei giardini botanici Hanbury